Sei qui: HomeVigne e SuoliI Suoli

I suoli delle nostre vigne sono caratterizzati dalle cosiddette "Arenarie di Caiazzo", formazioni geologiche di origine miocenica risalenti a un periodo fra i 7 e i 5 milioni di anni fa. Allora l'assetto idrogeologico era totalmente diverso da oggi e la catena montuosa del Matese era interamente coperta da un mare tropicale con acque calde e poco profonde. Perciò nelle nostre vigne abbiamo trovato tracce di fossili e pietre con litodomi e questo spiega la massiccia presenza di sabbie (in qualche punto, come a  Monticelli, fino all'80%) che si mescolano con argilla e detriti vulcanici. Banchi di tufo grigio si alternano a radi banchi di argille marnose e siltose. La forte presenza di pietre e residui di cenere nei terreni è invece dovuta alla vicinanza con il vulcano estinto di Roccamonfina, circa venti chilometri via aria, e con il Vesuvio, lontano solo una trentina di chilometri.